Il segreto

Il segreto, la verità profonda, per fare qualunque cosa, per scrivere, per dipingere, sta nella semplicità. La vita è profonda nella sua semplicità.

Charles Bukowski

venerdì 31 dicembre 2010

Per dodici mesi


Per dodici mesi
l'hai cullato sul tuo grembo,
nutrendolo di sole e di pioggia,
di rose e di viole...

Per dodici mesi,
l'hai cresciuto,
l'hai allevato,
dipigendo illusioni e sogni.

Per dodici mesi
hai asciugato le sue lacrime,
hai tramandato storie,
raccontato leggende,
creato emozioni,
e perle di delusioni.

Per dodici mesi,
hai filato un maglione
di giorni e di ore,
disegnato un cielo di costellazioni...

Per dodici mesi,
tu, 2010,
hai custodito
impreziosito,
il mio piccolo e grande
2011.

Grazie
e
Auguri!





giovedì 30 dicembre 2010

Sulle ali del vento

Alla finestra...

venerdì 24 dicembre 2010

Auguri!!!

Semplicemente
Buon Natale

e Buon 2011!!!

giovedì 16 dicembre 2010

L'attesa


Il Natale avanza celere
tra le siepi di questo tempo
e il ticchettio dei suoi passi
risuonano costanti,
tra i palazzi, nelle case,
per le strade,
tra la gente in movimento.

L'attesa è trepidante,
si stringe nei cappotti e
nelle sciarpe calde,
con il respiro dei ricordi
che vanno ad appannare
di speranze e dolci sguardi
le vetrine dei negozi.

Cari quegli aromi e
quei sapori antichi e
quel tintinnio allegro
di parole e note limpide.

Cari quei pensieri ,fluidi,
che scorrono nelle vene tiepide
della mente e del cuore...

Care...
quelle attese,
sospese nell'oscillare delle luci
e nei cristalli della neve.

venerdì 10 dicembre 2010

PER BRUNA

Ciao amiche e amici,questo non è uno dei soliti miei testi,ma è una cosa molto importante,un appello molto urgente per fare in modo di dare una mano a una nostra amica, il suo nome è Bruna Cavasin,in questo momento si trova senza un lavoro,bisogna fare in modo che tutto questo sia fatto girare sui vostri blog,Bruna è una brava persona, seria e leale e lavoratrice,se altre persone faranno come me ci saranno più occasioni di aiutarla,confido nel vostro aiuto.
Grazie.
La promotrice di questo tam tam è Carla Colombo a cui va un grazie particolare,questo è il link del suo blog,per altre informazioni.
Http://artecarlacolombo.blogspot.com/
E questo è il link del blog di Bruna Cavasin.
Http://lookuppainting.blogspot.com/

domenica 31 ottobre 2010

Stagioni


Grazie Achab per il permesso di pubblicare la tua poesia, questi versi di dolce armonia che riempono il cuore... Grazie!



Foglie rosse d'autunno
cadono come lacrime su panchine deserte,
cerchi l'amore e leghi i tuoi sogni al filo di
un palloncino sbiadito senza pensare che il domani
è già finito.
Avvolgi le tue braccia al tuo corpo nell'inverno,
ricordando l'umano calore che sta per ritornare,
gioisci nell'attesa,desidero vedere il tuo volto, senza tregua.
Arriva a te l'odore dell'amore prima di averlo,
terrai un vento di primavera nel cuore
prima di liberarlo,come colombe che nutrono
i piccoli e volano via libere.
Gli occhi tuoi sono messaggi agli occhi miei
nel mondo.
Proteggi le rosse labbra tue al calore dell'amore,se vuoi,
l'estate ha nuove sensazioni da dispensare,
toglierò la maschera al destino
nell'azzurro del mattino,e il tesoro della tua anima
non andrà perduto,prova e credi nel tuo amore
e io sarò il fiore tra i capelli tuoi,
nel silenzio della luna.

mercoledì 27 ottobre 2010

Grazie a tutti!


Grazie
Grazie




Grazie a tutti per gli Auguri! Grazie a tutti con grande affetto!
Ritiratelo!

lunedì 25 ottobre 2010

Buon Compleanno!


Oggi è il mio compleanno, 25 ottobre! E' un giorno speciale, un giorno in cui sono riuscita a salire anche l'altra rampa di scale... una rampa di 365 giorni che spero di salirne ancora... In fondo il giorno del compleanno non è altro che la somma di tanti giorni speciali che Dio mi ha concesso di vivere.
Grazie a Dio, io sono nata e rinata... sì... io sono rinata tutte le volte che ho visto nascere il sole, tutte le volte che l'ho visto tramontare per dare spazio alla luna e alle stelle; tutte le volte che ho visto le mie mani, i miei piedi, le mie ciglia, i miei pensieri battere ogni secondo della mia Vita.
Grazie a Lui, ho potuto vivere in una famiglia meravigliosa, con persone importanti, importantissime, mia madre, mio padre, le mie sorelle, i cui unici autografi sono stati il loro affetto, le loro esperienze, i loro consigli, i loro rimproveri... be' anche quelli... il loro sostegno nei momenti più difficili...Ho conosciuto i miei cognati che mi vogliono bene e a cui voglio bene, i miei parenti e tutte le persone più care, scomparse su questa terra ma popolose sul mio pianeta Cuore.
Grazie a Lui, ho conosciuto amici reali e virtuali, bellissimi, che non hanno mai smesso di starmi accanto con una parola, con una pacca sulla spalla... e anche con uno squillo sul cellulare...
Ho perso alcuni amici sulla strada della vita per colpe mie commesse (d'altra parte sono anch' io una peccatrice) e che spero di recuperare un giorno con tutte le scuse da fare, e poi per colpe altrui... e che comunque li ringrazio per il grande ruolo che hanno svolto per il mio carattere :)
Grazie a Lui, ho visto, sfiorato, sfioro gente che non ho mai conosciuto, nei mercati, nelle piazze, nei quartieri del mondo... attraverso le mie passeggiate nel mio paese, attraverso viaggi in treno, attraverso la televisione, attraverso libri che ho letto e divorato senza esserne mai sazia, attraverso internet...
Grazie a Lui, ho sperimentato e attraversato quei luoghi bui dell'anima, che ti fanno stare sola, insignificante, un essere incapace con la sola voglia di morire... ma che poi grazie a una forza incomprensibile sono sempre in qualche modo riuscita a cavarmela...
Non ho alcuna intenzione di negare quel lungo periodo della mia vita fatta di lacrime e di urli muti... Perché se da una parte ha chiuso delle porte dall'altra ha aperto dei portoni... Sono stata una ragazza fragile e fragile ancora, piena di contraddizioni, che ha amato e che è stata amata, che ha rifiutato e che è stata rifiutata... che ha conosciuto il nero del pozzo come il bianco del cielo... che ha vagato nella continua ricerca di un punto stabile dove fermarsi senza mai smettere di vagare, tra i tormenti e le spine della vita, ma non si è mai vergognata di quella fragilità, anzi l'ha sempre urlata; d'altra parte la vera potenza risiede proprio nel coraggio di conoscersi fragili, limitati ma umani. Nessuno è perfetto, siamo tanti tasselli di un puzzle chiamato Mondo, e sta a noi renderlo perfetto cercando di far combaciare esattamente i suoi contorni. Se tutto in questo mondo fosse certo non avrebbe senso questa Terra, saremo tutti in Paradiso a dividere la nostra fetta di Eternità...
Grazie a Lui ho respirato, ho assaggiato, respiro e assaggio la natura intorno, la sua flora e la sua fauna, le sue acque e le sue terre e tutti i misteri del profondo Universo...
Grazie a Lui io ho vissuto. Grazie a Lui io vivo.
E grazie a tutti voi!

sabato 23 ottobre 2010

Ascolto la tua mancanza


Ascolto la tua mancanza,
trasudare dalle pareti d'inverno...
sopra una musica ribelle
che non ha mai avuto fine...
e forse neanche un inizio...

Ascolto la tua mancanza,
come una debole voce del mare...
come una tela tessuta dal tempo,
che sempre scorre e sempre tira a sé
tutto ciò che poteva esserci di bello,
tutto ciò che poteva esserci di dolce,
senza risparmiare neanche quel minuto d'illusione
che mi faceva tanto amare...

Ascolto la tua mancanza,
sopra i fogli frastagliati
di una storia...
che non è mai cominciata,
che non è mai esistita,
che non è mai...
mai stata scritta.

venerdì 15 ottobre 2010

A Sarah Scazzi


Era una giornata di sole
e il mare aspettava te...

Ma improvvisamente...
né il sole e né il mare
seppero nulla di te.

Nessuno...

Era una giornata di sole,
una di quelle giornate
splendide e vive
come lo eri tu...
e il mare...
il mare non aspettava
altro che te...
per poterti bagnare e
abbracciare come non mai...

Ma né il sole
e né il mare seppero
nulla di te...

Nessuno...

...eccetto,
l'oscurità di un pozzo
e la mano sporca di un assassino.

Ma stranamente...
fu proprio la notte,
quella notte,
a portarti alla luce...


Che riposi in pace...

venerdì 17 settembre 2010

Che cosa sia un uomo...


Certo, che cosa sia un uomo realmente vivo si sa oggi meno che mai, e perciò si ammazzano gli uomini in grandi quantità, mentre ognuno di essi è un tentativo prezioso e unico della natura. Se non fossimo qualcosa più di uomini unici, se si potesse veramente togliere di mezzo ognuno di noi con una pallottola, non ci sarebbe ragione di raccontare storie. Ogni uomo però non è soltanto lui stesso; è anche il punto unico, particolarissimo, in ogni caso importante, curioso, dove i fenomeni del mondo s'incrociano una volta sola, senza ripetizione. Perciò la storia di ogni uomo è importante, eterna, divina, perciò ogni uomo fintanto che vive in qualche modo e adempie il volere della natura è meraviglioso e degno di attenzione. In ognuno lo spirito ha preso forma, in ognuno soffre il creato, in ognuno si crocifigge un Redentore.
( H. Hesse, Demian, Oscar Mondadori Editrice, pgg 35-36)

mercoledì 15 settembre 2010

Eravamo qui...


A Du'a Khalil Aswad, una ragazza curda di 17 anni, di fede Yezidi, lapidata da una folla inumana, perché colpevole di avere simpatie per un ragazzo musulamano sunnita e passato una notte fuori casa. Dopo la sua morte è stata trascinata per le strade e sepolta con i resti di un cane. La sua lapidazione è stata filmata con i cellulari...
Questa poesia è dedicata anche ad altre donne, vittime di barbarie, a Sakineh Mohammadi Ashtiani, perché la sua causa non venga dimenticata...




Eravamo qui,
su questa terra,
su questa stessa terra...
con lo sguardo all'insù,
a contemplare un cielo grande,
troppo grande per le nostre braccia...
a sognare e a contare stelle di speranza...
tra mondi nuovi,
volti nuovi,
immaginati lì...
sopra l'altra metà della luna,
nascosta nel buio,
come noi...
clandestini...

Eravamo qui,
su questa terra,
su questa stessa terra...
a guardarci e a spogliarci...
delle nostre differenze,
delle nostre religioni,
dei nostri stessi nomi...
in nome di un amore,
senza distinzione...

Eravamo qui,
proprio qui...
su questa terra solida di dolore,
per sperare in un futuro migliore,
libero,
senza alcun rumore...
senza più rancore...

Eravamo qui,
esattamente qui...

...dove adesso sono sola,
piegata,
buttata...
come uno straccio...
con la faccia in giù...
per respirare sangue e dolore,
polvere,
accuse,
insulti,
calci,
schiaffi,
duri come sassi...
che sfondano la mia testa e la mia dignità...
e graffianti come unghie che
strappano la mia pelle e la mia anima...
qui,tra ombre nere, ostili,
filanti come spade...

Per espiare una colpa,
un Amore,
un peccato...

Il mio più grande
Peccato Originale.

martedì 24 agosto 2010


Scivola
la Bianca Vela,
con la punta alta
sopra l'Orizzonte,
quasi a voler sfiorare
la labile e sottile
linea di confine
tra Cielo e Mare...

E solitaria va',
solcando le acque
dentro a un Vento
pieno di passione
e di emozioni...

Libera...
Placida...
In silenzio...

Come in una preghiera.

Giù.

Chiusa.

Ad ascoltare il Mare...

martedì 3 agosto 2010

Preghiera



O Signore,
lascia che io mi avvicini
ancora per un pò
alle acque cristalline
del tuo ruscello,
lascia che anche solo
la punta delle dita
possa intingersi
in quello specchio
d'infinita bellezza.

Lascia...
che il mio cuore possa
palpitare e librarsi nel cielo
come aquile in volo,
dentro a un vento di promesse
e nello sguardo le certezze...
...che la mente,
possa dispiegarsi,
come un candido lenzuolo di lino,
fin sopra le lontane regioni
della Terra.

O Signore,
lascia che io mi abbeveri
a questa lunga
superficie di stelle...
Una volta,
due volte...
fino a perdere completamente
il conto e
non temere più
l'amaro e tormentato Ritorno...

domenica 1 agosto 2010

Altari di carta


Mi parli di versi
forgiati di alloro...
ma l'orecchio
è distante
per sentirne l'essenza.

Mi tingi di oro
le tele del tempo...
ma l'occhio è corrotto
per seguirne l'evento.

E l'anima, stanca,
continua a vagare,
continua a girare,
tra templi di sabbia...

...continua a pregare,
sopra altari di carta...
innalzati lì,
come voti di rabbia...

sabato 31 luglio 2010

Io con lei


Ruota la Terra,
in spazi immensi e sempre nuovi,
in cieli visti e mai visti in fondo.

Quale domani l'orizzonte
serba,
non posso sapere...

Ma la Terra si muove...
ed io con lei...

E questa...
è l'unica certezza che ho.

lunedì 26 luglio 2010

Ti Amo


Ti Amo,
perché sei Musica
nelle mie orecchie.

Ti Amo,
perché sei Parola
nelle mie labbra.

Ti Amo,
perché sei Silenzio
nelle mie notti.

Ti Amo,
perché sei la Somma
di tutti i miei giorni.

Tra pensieri sparsi- Gli occhi abbasso

Tutti ti vedono bella,
affascinante...
dal corpo coinvolgente...
Ma se guardassero dentro...

Gli occhi abbasso.

Tra pensieri sparsi- fragilità e potenza

Guardati dentro di te, guarda in fondo alla tua anima...
e scoprirai tesori mai visti,
che nessuno potrà rubare e possedere...
Sii custode delle tue ricchezze,
sii coltivatrice delle tue ambizioni,
sii seminatrice dei tuoi sogni
sparsi come stelle nell'universo.
Sii sempre te stesso e non vergognarti
delle tue fragilità...
Esse saranno potenza tra le tue mani.

Tra pensieri sparsi... tra campagna e città.

Fuori della finestra, il mondo appare come una cartolina scolorita dal tempo. Il vento caldo dell'estate soffia forte sulle strade non asfaltate, sollevando alti mulinelli di polvere, che scompaiono girando nell'aria. Le case, i palazzi sebbene costruiti da poco, appaiono come giganti stanchi e sonnolenti tra cumuli di sassi e terra, sparsi qua e là dai camion, e aridi fuscelli d'erba bruciata...
E il vento, ancora, ancora continua a soffiare e alzare mulinelli di polvere bianca, tra passato e futuro... tra campagna e città...

mercoledì 21 luglio 2010


Luna rossa...
rossa come il sangue
che pulsa vivo
nelle vene...
Tagliente...
come una lama sottile
che squarcia il velo
delle apparenze...
Calante...
come una lacrima salata
che, lenta,
scivola
sopra labbra innamorate...

giovedì 15 luglio 2010

la vita è un'opera



La vita è un'opera di teatro che non ha prove iniziali,

perciò canta, ridi, balla, ama... e vivi intensamente

ogni momento della tua vita, prima che cali il sipario

e l'opera finisca senza applausi.

(Charlie Chaplin)


lunedì 12 luglio 2010

Il tuo cuore lo porto con me, Cummings

Libera...


Libera i tuoi pensieri,
come foglie raggianti al vento
che s'involano verso il cielo.

Libera il tuo sangue,
affinché ogni dolore
abbia un nome e
la sua giusta guarigione.

Libera i tuoi desideri...
perché il cuore è
troppo piccolo
per contenerne troppi...

mercoledì 7 luglio 2010

La lama di una penna


La penna è come un coltello che affonda la sua lama nelle profondità dell'anima fino a farla sanguinare... Allora tutto intorno non si riduce che a un rumore ovattato nelle pareti della mente, a un bagliore lontano spento tra le righe di una pagina.
Ma quando l'emorragia di queste parole e di queste emozioni macchiate d'inchiostro ha termine, ti accorgi, rileggendo, che in fondo in fondo quella vita così trasparente ai tuoi occhi non è poi stata così invisibile...

martedì 22 giugno 2010

Sana pazzia


Balliamo Amore,
tra questi coriandoli
di luci e colori
che piovono giù
e le maschere
intorno che riempono
visi.




...a chi importerà la nostra follia,
se una volta alzate le braccia
al cielo e
battuti i piedi a terra,
voleremo finalmente
in libertà...

Chi,
giudicherà questa unica e
sana pazzia?

sabato 19 giugno 2010

Tra le pieghe della notte


Tra le pieghe della notte,
ripongo i miei affanni
e l'inquietudine
vacillante di un giorno
ormai passato...

Se solo questo sogno,
potesse continuare
sino al mattino
e vestire di stella
tutte le ore,
che pace sarebbe
la vita mia...

mercoledì 16 giugno 2010

Metamorfosi


Ci spostiamo
come bilie
lanciate a caso
sulle strade della Vita...
Alle volte ci sfioriamo,
ci scontriamo,
sotto un cielo di promesse
e un mare di canzoni,
e forse non sarà un caso
se alla fine ci facciamo
male.
Spesso inceppiamo in
qualche Pietra,
pensando che sia la Fine,
ma proprio in quel sospeso
mutare degli eventi
che si avverte il Cambiamento
e ci rende simili alla Luna.


sabato 12 giugno 2010

Acrobata


Tessi parole di
cristallo,
con l'abilità
di un' acrobata...

Eppure...
non so perché,
nell'anima
sento spesso
schegge di illusioni...

martedì 1 giugno 2010

Forse...

Cosa sono,
cosa voglio,
il mio Specchio
non lo sa...
Ma forse il Vento
sì...

lunedì 31 maggio 2010

Controvento


Veloce,
corre il treno
sopra i binari del Tempo...

E le stazioni
si rincorrono,
Le lingue si sciolgono,
le mani s'intrecciano,
gli odori si mescolano,
gli sguardi si annusano...


Tra valige messe in fila,
messe lì ad aspettare,
un accenno,
un sorriso...
un destino da legare,
dentro a un vento,
Controvento...

giovedì 27 maggio 2010

Ballando al buio - Stadio

Gianna Nannini - Aria

Gianna Nannini - Aria

Sai
nascono così
fiabe che vorrei
dentro tutti i sogni miei
e le racconterò
per volare in paradisi che non ho
e non è facile restare senza piu' fate da rapire
e non è facile giocare se tu manchi
aria come è dolce nell'aria
scivolare via dalla vita mia
aria respirami il silenzio
Non mi dire addio ma solleva il mondo

portami con te
tra misteri di angeli
e sorrisi demoni
e li trasformerò
in coriandoli di luce tenera
e riuscirò sempre a fuggire dentro colori da scoprire
e riuscirò a sentire ancora quella musica
aria come è dolce nell'aria
scivolare via dalla vita mia
aria respirami il silenzio
non mi dire addio ma solleva il mondo
aria abbracciami
volerò
aria ritornerò nell'aria
che mi porta via dalla vita mia
aria mi lascerò nell'aria
aria com'è dolce nell'aria
scivolare via dalla vita mia
aria mi lascerò nell'aria

Valentina Giovagnini - Senza Origine

E per te LAura

L'Aura - Irraggiungibile

martedì 25 maggio 2010

...Non tace


La libertà...
e' un oceano in tempesta
che il vento scuote
e in alto solleva...

...è un corpo bianco,
che l'arma uccide,
ma che non tace...

giovedì 6 maggio 2010

Immagine


Si allungano silenziose,
tra vie umide
lacerate dal tempo,
ombre nere e sottili
come dita,
che tremano ancora
nel soffio di un amore...

martedì 4 maggio 2010

Tra pensieri sparsi

Se solo potessi fermarti un attimo e sederti accanto a me... Se solo potessi andare oltre il nero delle mie pupille e quella vasta barriera di pregiudizi dietro cui si assiepa la tua vista e la mia timidezza... Se solo tu volessi... o almeno abbandonassi quel tuo fare scontroso e irritante che non perde occasione per colpirmi, umiliarmi...forse scopriresti un mondo diverso, diverso da quello che sempre hai pensato di conoscere... un mondo ricco di emozioni, d'amore... per te; forse allora ogni mio timore, ogni mia paura cesserebbe... forse le mie parole scorrerebbero a valle come fiumi in corsa senza più confini, più muri... nulla di nulla... Ma mi basta solo un tuo sguardo, una mano ferma nella mia... nient'altro.

venerdì 30 aprile 2010

Non conosco...


Non conosco il tuo volto,
né il tuo nome,
né la tua voce
che si confonde tra la gente,
né i tuoi passi,
che lenti avanzano nell'ombra...
Non conosco e
non so descrivere
quel misto di sensazioni
e di odori
che nelle notti d'inverno
scaldano il mio cuore,
e nelle notti d'estate
stillano freschezza...
Non conosco e
non so abbracciare
quel dolce mistero
che sempre invade
la mia anima...
quella terra così piccola,
che sempre naufraga
nel silenzio...
E che forse temo...
a un solo pensiero
di rompere...
rompere un'essenza magica
che tutto può
e nulla chiede,
se non un dito
o una ciglia
che in alto punta e
sfiora il cielo...

venerdì 16 aprile 2010

Per Te... Vento


Vorrei per Te,
essere Vento,
per solcare tutte le
acque degli Oceani,
per baciare e toccare
tutte le terre del mondo,
e rubare al cielo
un pò del suo velo...

Vorrei per Te,
essere Vento,
per sfidare il gelo dell'Inverno,
i contorni fragili dell'Autunno,
e vestirmi di Primavera
nei tramonti d'Estate...

Vorrei per Te,
essere Vento,
per spezzare le catene
del Tempo,
accorciare i fili
dello Spazio,
e scivolare,
lenta,
tra le lenzuola soffici
del tuo sonno.

venerdì 9 aprile 2010

Pelle d'argilla





Con quella mano
impercettibile,
plasmi il mio corpo,
come fosse argilla,
lasciando scorrere
tra le pieghe della mia
anima,
un non so che...

E lo specchio,
guardandomi e
fissandomi
tra le ombre
dei miei seni,
dei miei fianchi
e del mio volto,
mi sorride
e mi chiama Donna...

Ma quella donna,
così fragile...
di alba nuova e
misteriosa,
sente ancora
tra le labbra
e tra le ciglia,
quel respiro dolce,
buono...
che sa di canto antico...

domenica 4 aprile 2010

Buona Pasqua
a tutti gli Amici
Vicini e lontani!!!
BACIONI!!!

venerdì 12 marzo 2010

Pescatore



Il rumore dei ricordi
s'infrange sulla spiaggia,
e il vento,
contromano,
ricompone
i suoi contorni...

Un passo,
un'impronta,
una conchiglia in
mezzo al mare...
un veliero,
un pensiero...

e un Pescatore,
solo,
ad ammirare...

domenica 7 marzo 2010

Il Labirinto

Quante le strade...
le vie da percorrere,
le scale da salire...
e da scendere,
gli angoli da girare,
i sentieri da calciare
e i marciapiedi da calpestare...
Quanti...
Quanti gli alberi,
i rami e i muri
da scavalcare o
da fermarsi e
indietreggiare...
Quanti i punti cardinali
da seguire
e il filo ancora da sgomitolare
lungo questo corridoio
labirintico della vita...

sabato 13 febbraio 2010

Nei cinque sensi



Ti sento...
tra le onde del mare
che s'infrangono sugli
scogli...
tra i richiami di gabbiani
in volo...
tra le frasi spezzate
della gente e
il loro calpestio sui
marciapiedi...
Ti sento...
tra le macchine
in corsa sull'asfalto,
tra i clacson impazienti
nell'attendere
e i suoni ballerini
di un locale...
Ti sento...
nel sapore gustoso
di una mela,
nell'acqua limpida
di un bicchiere
e nel vino
rosso di una sera...
Ti sento...
tra le vette fresche
di montagne,
tra le ciglia sognanti
di un bambino,
e una stella in alto
da cullare...
Ti sento...
tra i profumi caldi
di una tavola,
tra gli odori
d'erba di pioggia
bagnata
e tra le bolle
di pulito di una vasca...
Ti sento...
tra le candide lenzuola
del mio letto,
tra i muri ruvidi
nei vicoli
e nel soffio fresco
di una brezza...
Ti sento...
in questo mare
di parole che mi assale,
in questo flusso
di immagini che mi
circondano,
in questo ballo di note
che mi accompagnano,
in questo profumo
di albe che mi accarezzano,
nel sapore agrodolce
della vita...
In questi cinque sensi
della mia Anima.

giovedì 11 febbraio 2010

Una Poesia...

Da bambina racchiudevo il mio mondo dentro una piccola e affilata punta di matita e felice ne seguivo scorrere i contorni dentro i bordi di una pagina di diario. Subito il foglio diventava un immane palcoscenico di figure bizzarre danzanti in un esplosione di colori...viola, verde, giallo,arancio, rosso,blu.... Ogni prospettiva veniva come inghiottita nel vortice della mia fantasia e senza regole disegnavo le mie emozioni, i miei pensieri, ogni piccolo sentimento del mio cuore.
Era stupendo viaggiare in quel mondo, dove ogni forma richiamava un'altra e poi un'altra ancora, come in un gioco di scatole cinesi; bastava solo un tocco di matita e subito compariva. L'alfabeto della mia fantasia si estendeva in tutto lo spazio che gli era possibile; e così un foglio chiamava un altro, e poi un altro ancora fino a quando la mano non si stancava e rimandava a domani il dettato del mio cuore.
A distanza di anni, i volti, i paesaggi, sempre più hanno assunto i profili delle lettere, delle parole, delle frasi intrecciate le une accanto alle altre. E insieme ora cantano una Poesia. Vecchia ma sempre Nuova...

giovedì 4 febbraio 2010

Ma...

Dio,
tra le mani,
aveva un piccolo pugno
di Polvere...
Grigia!
Ma profumava
di Viole...

Io,
tra le mani,
avevo un piccolo
pezzo di Terra...
Scura!
Ma profumava
di Pioggia...

Fino all'Infinito

Ho scalato
costoni di stelle
per raggiungere un sogno...
Ma il cielo
era così grande,
così immenso,
che un sogno
certo non poteva bastare
da solo...
E così ho ripreso a scalare,
a scalare...
sempre di più...
sempre...
Fino all'Infinito.

mercoledì 3 febbraio 2010

Come un impressione

Scende la neve,
bianca, veloce e
sferzante,
qui, su quest'angolo di terra,
dove nessuno ha mai pensato
di vederla,
di toccarla,
di sentirla per davvero.
E tutto agli occhi miei
appare immobile,
fermo,
come un impressione,
dipinta lì,
sopra i volto stupito del mattino.

Ma alla fine di questo lungo scivolare,
di questo correre continuo e intenso
tra le ripide del vento,
niente di essa rimane,
se non gocce di infinita freschezza,
raccolte in una mano.

giovedì 28 gennaio 2010

L'Oltre...

Com'è bello...
avvolgersi tra le coperte
del passato...
sentirne la dolcezza...
il calore...

Finché,
l'uso eccessivo,
quasi ossessivo,
non ne rivela i fori...

gli strappi si allargano,
il freddo ghiaccia le ossa,
il respiro si affatica...
E tutto diventa una ragnatela.


E solo allora,
comprendo la bellezza,
la vita,
che nel Sole
si nasconde...

L'Oltre...

martedì 26 gennaio 2010

Il Bisogno

Non ho bisogno
di una casa spaziosa
con vista panoramica,
per sentirmi libera,
importante...

Non ho bisogno
di un vestito elegante,
scarpe con tacchi a spillo
e gioielli preziosi,
per sentirmi bella...

Ma semplicemente,
una carezza leggera,
un sorriso sincero
e una parola d'amore...

Di amore vero.

Il Centro

Traccio nell'aria
cerchi con la mente,
tutti col medesimo
centro.

Forse vicino...
forse lontano...
forse...
Non lo so.

venerdì 22 gennaio 2010

Semi divini

Compari e scompari
nella mia stanza,
come un fascio di luce
lanciato da un faro
nel buio della notte...
filtrando appena appena
attraverso i fori della tapparella
e disegnando su un'anta dell'armadio
piccole ellissi di luce,
che vanno e vengono
nella semioscurità,
ma che nella mente
mia di mortale,
si raccolgono
come semi divini,
pronti a germogliare
e a illuminare ogni piccolo
momento della mia vita,
ogni piccola fotografia
delle mie giornate,
ogni piccolo secondo
dei miei gesti,
ogni piccola emozione
della mia anima,
ogni piccolo battito
del mio cuore,
ogni piccolo fremito
di paura...
ogni piccolo senso
della mia esistenza.

giovedì 21 gennaio 2010

Ancora

Un brivido di Freddo
percorse la già fragile Haiti,
scuotendola come non mai...
E crollarono i palazzi,
le case di carta,
vite e stenti
giù,
nella rovina biancastra.
Il silenzio
si lacerò nell'urlo e
nella disperazione,
ma un canto, ancora,
mormorava sotto le
macerie...
Si piangeva,
si sudava,
a mani nude si scavava,
ma un sorriso, ancora,
si spalancava tra le macerie...
Si stendevano lenzuola,
si elevavano crocifissi,
ma delle braccia, ancora,
si alzavano e si agitavano
al cielo,
al di sopra delle macerie.

martedì 19 gennaio 2010

Volto di Luna

Con il volto della Luna,
osservavi le stelle,
perché almeno una,
nella sua caduta,
potesse accompagnare
le tue parole,
ferme o scivolate
nel silenzio.
Ma la stella tardava
o forse tu eri troppo
lontano...

E così,
nel brivido
di un piccolo bagno,
hai steso la corda
dei tuoi quindici anni,
e misurato il giusto nodo,
hai reso una preghiera
al sole morente,
perché almeno lui,
nel firmamento,
potesse concedere
spazio
al tuo volto di Luna.

Sempre e Comunque

Poserò ogni arma,
spada,
lancia,
ogni tentativo d'assalto
alla fortezza del tuo cuore,
ormai di un'altra,
e posato anche lo scudo
volterò il mio esercito
verso Est,
in sella a un cavallo bianco,
con addosso
solo cicatrici d'illusioni,
cucite con certezze e
conferme,
e in testa una corona
d'alloro,
uno sguardo fermo,
fiero e degno di
una Regina.
Sempre e Comunque.

sabato 16 gennaio 2010

Ogni giorno in più

Ogni giorno in più,
è una colpa
da scontare con le
impronte digitali.

Ogni giorno in più,
è una lacrima da scalare
per la cima di un
sorriso.

Ogni giorno in più,
è una pagina da voltare
con l'inchiostro sulle
dita.

La finestra accesa

Bruciano i tramonti,
su ombre di orizzonti,
che l'uomo e il tempo
insieme ,
disegnano,
sollevando mani di
cemento e parabole
di sogni.

Esala,
così,
il giorno
l'ultima fiamma,
sull'ultima casa
dalla finestra accesa.

mercoledì 13 gennaio 2010

Sotto la pelle

Con lo sguardo della notte,
accarezzi la mia pelle
sollevandone piano
i lembi.

E quell'anima,
timida,
sotto il suo tessuto,
scoperta,
si rivela.

Non più scuse,
ma solo sussulti
che le tue labbra,
a sorsi leggeri,
bevono...
e nutrono.

venerdì 8 gennaio 2010

Ho scritto il tuo nome sulla sabbia

Ho scritto il tuo nome
sulla sabbia
perché la mano potesse
sentire una parte di te.

Ho scritto il tuo nome
sulla sabbia
perché i piedi potessero
colmare le nostre distanze.

Ho scritto il tuo nome
sulla sabbia
perché almeno il tempo,
troppo ampio fra di noi,
potesse stringersi
nello spazio di un granello.

domenica 3 gennaio 2010

Racconti di sabbia

Scrive il vento
racconti di sabbia
che sull'onda presto
scivolano via,
mischiando ricordi,
pensieri,
emozioni...

i fragili anni
di una vita che scorre,
che solca rotte
e orizzonti nuovi,
inquieta di un approdo
dove fermarsi,
dove dormire in pace,
contemplare le stelle,
giocare con la luna,
senza pregare,
trasformare lacrime
in perle e donarle
al sole...

Ma il vento corre,
le acque si agitano,
le certezze vacillano,
e la speranza attende...

venerdì 1 gennaio 2010

Ai tuoi occhi

Sul tuo volto
si aprono sentieri
che lenti
salgono ai tuoi occhi...

di montagne graffianti
di mari sognanti
e città brulicanti
diventano scena

ed io come spettatrice
nascosta tra le ciglia
guardo te
incamminarti tra le vie
piegando tra le palpebre
piccoli ricordi di gioventù...

( A mio padre)